ULTIMISSIME

Vi rendete conto come si è ridotto quest’uomo? Guardate….è assurdo!

Quando lo Stato Italiano diventa complice di un dramma sociale, una piaga, che sta rovinando intere famiglie, il gioco sempre più spesso diviene malattia.

Una forma di nevrosi compulsiva, t’imprigiona in una ritualità grottesca,ripetitiva che non ti lascia scampo. Il mondo intorno a te scompare c’è solo lui lo schermo, dove scorrono false prospettive di vittoria, di speranza in un futuro migliore, dove si è ricchi e vincenti, dove i soldi nella tua mente fluiscono verso di te. Invece la dura realtà statistica non mente alle macchinette ci si rovina. Si possono spendere migliaia di euro, tutti i propri risparmi, ci sono persone letteralmente assuefatte, fagocitate dal gioco, che non riescono più a staccarsi dallo strumento diabolico che ha imprigionato la loro coscienza.

In tutto questo lo stato non solo è complice, ma è anche carnefice. Schieramenti di tutti i partiti sono collusi e addirittura titolari di concessionarie del gioco, proprio con le video lottery. Avete capito bene! Quegli stessi individui, eletti per proteggere il popolo, sono gli stessi che lo rovianano, sia con la pressione fiscale, la corruzione e tutte le inefficienze della pubblica amministrazione, che ben conosciamo, sia con questi sistemi che vengono addirittura premiati, in palese conflitto di interessi.

In quanti si riconoscono, o riconoscono qualcuno della propria famiglia in questa persona?

Vi ricordate lo scandalo dei 98 MILIARDI di euro condonati alle socità concessionarie? Sapete che si sono intascati un cifra incredibile, nel più totale silenzio dei media di regime asserviti e con la collusione di organi dello stato che hanno fatto i propri interessi personali, anteponendoli a quelli di pubblica utilità, disonorandosi di fronte a se stessi e alla collettività.

Uno stato indegno e vergognoso, che protegge i criminali e distrugge le persone oneste.

Fino a quando dovremo assistere a questo tragico spettacolo?

Lascio a voi ogni commento.

SEGUICI SU FACEBOOK:

CONDIVIDI SU:

Lascia un commento:

commenti