ULTIMISSIME

Vespa incredibile intervista a Saddam Hussein che smaschera i veri criminali sionisti – Iraq 1991

‎Saddam Hussein‬ intervistato da Bruno Vespa nel 1991 smaschera i criminali falsari (che poi aggredirono l’Iraq) con una sincerità e semplicità disarmante.
Oggi come allora la NATO invade e distrugge paesi per derubarli e sottometterli con la scusa della democrazia.

Oggi l’Iraq è un paese distrutto e finché il mondo sarà questo mai rinascerà.
La prima vittima di guerra è sempre la verità.

Saddam Hussein fece innumerevoli riforme quali la concessione alle donne di diritti pari a quelli degli uomini, l’introduzione di un codice civile modellato su quelli dei paesi occidentali (che sostituì la Sharīʿa) e la creazione di un apparato giudiziario laico (che comportò l’abolizione delle corti islamiche, anche se alcuni sostengono che vennero conservate per casi particolari).

Dopo essere stato incaricato di sovrintendere alla nazionalizzazione dell’industria petrolifera irachena (1972), Saddam utilizzò una parte consistente dei profitti petroliferi per programmi di welfare (istruzione gratuita ed obbligatoria; sanità pubblica gratuita) e per modernizzare le infrastrutture e l’economia dell’Iraq, ad esempio portando l’elettricità in tutto il Paese.

Saddam ha fatto un unico grave errore: credere che il mondo musulmano si sarebbe schierato unito contro il demone occidentale ma…..quando si parla di soldi tutti si comportano alla stessa maniera.

Incredibile è la parola giusta perché è decisamente illuminante questa intervista, la verità viene sempre a galla.

La guerra è da sempre l’unico mezzo che l’uomo ha trovato per risolvere i problemi ‪#‎malemale‬

Oggi in Italia i programmi sono servizi comprati all’estero e doppiati..sembra incredibile che una volta si intervistassero i Capi di Stati.

Riposa in pace nel paradiso degli ‪#‎Eroi‬…la VERITA’ sta iniziando a farsi vedere…per chi non l’ha compresa e vive nell’oblio lobotomizzante della propaganda sionista!!

SEGUICI SU FACEBOOK:

CONDIVIDI SU:

Lascia un commento:

commenti