ULTIMISSIME

POLIZIA E CARABINIERI AVVISANO: ATTENTI A QUESTA TRUFFA, STA COLPENDO TUTTI. AIUTATECI A DIFFONDERE!

La polizia non vende riviste al telefono. Ci avviciniamo alla fine dell’anno e dobbiamo mettere in guardia i consumatori da una purtroppo frequente vendita telefonica truffaldina ed aggressiva.

La tipica telefonata suona così: “salve signora, siamo della Polizia, sappiamo che lei è da sempre una nostra sostenitrice, vuole sottoscrivere anche quest’anno l’abbonamento alla nostra rivista?”. Lo stesso a dirsi per Carabinieri, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco e simili. La leva psicologica è sin troppo evidente: non vorrete mica scontentare la Guardia di Finanza o la Polizia…? La tecnica di vendita la potete riconoscere facilmente perché è particolarmente aggressiva: vi richiameranno e molesteranno sino a quando non comprerete. Ebbene sappiate che le forze dell’ordine che pure pubblicano riviste e stampano ogni anno calendari, non usano il telefono per la vendita, spesso destinano il ricavato delle vendite ad opere di bene e hanno costi equi ed accessibili. Se invece siete incappati in vendite di riviste o calendari che costano centinaia di euro, allora scappate a gambe levate. Se vi siete fatti convincere una volta, non credete a meccanismi di tacito rinnovo o altro che vi voglia incastrare in eterno.

Ecco due consigli e strumenti per difendervi:
1) se vi hanno carpito il consenso per telefono e ci avete ripensato, comunicate subito il vostro recesso per iscritto;

2) se di prepotenza vi spediscono un pacco a casa, rifiutatelo; se, non conoscendone il contenuto, se lo avete invece accettato, comunicate per iscritto il vostro rifiuto di pagare.

PER FAVORE, DIFFONDETE, FATE IN MODO CHE TUTTI SIANO INFORMATI!

Agente Lisa

SEGUICI SU FACEBOOK:

CONDIVIDI SU:

Lascia un commento:

commenti