ULTIMISSIME

Papa Francesco: “Essere schiavi del lavoro è contro Dio e la dignità umana”.

Papa Francesco parla ai cardinali ANSA/OSSERVATORE ROMANO ++ HO RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY CREDIT "ANSA / OSSERVATORE ROMANO" - NO MARKETING NO ADVERTISING CAMPAIGNS - DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS

Papa Francesco ha parlato all’udienza generale introducendo una riflessione su tre elementi che scandiscono il ritmo della vita famigliare: la festa, il lavoro, la preghiera.

La catechesi odierna è stata dedicata alla festa. Ma per parlare di festa, che è il momento in cui si smette di lavorare e si gode del meritato riposo, il Pontefice non ha potuto fare a meno di dedicare diverse riflessioni anche al tema del lavoro.

Innanzitutto il Papa ha sottolineato che”la festa è un’invenzione di Dio”. Infatti “Dio stesso ci insegna l’importanza di dedicare un tempo a contemplare e a godere di ciò che nel lavoro è stato ben fatto. Parlo di lavoro, naturalmente, non solo nel senso del mestiere e della professione, ma nel senso più ampio: ogni azione con cui noi uomini e donne possiamo collaborare all’opera creatrice di Dio”.

Ma che cos’è dunque davvero la festa? Non è la pigrizia di starsene in poltrona, o l’ebbrezza di una sciocca evasione … No, La festa è anzitutto uno sguardo amorevole e grato sul lavoro ben fatto; festeggiamo un lavoro. Anche voi, novelli sposi, state festeggiando il lavoro di un bel tempo di fidanzamento: e questo è bello! E’ il tempo per guardare i figli, o i nipoti, che stanno crescendo, e pensare: che bello! E’ il tempo per guardare la nostra casa, gli amici che ospitiamo, la comunità che ci circonda, e pensare: che cosa buona! Dio ha fatto così quando ha creato il mondo. E continuamente fa così, perché Dio crea sempre, anche in questo momento!”

La festa, così intesa, deve entrare anche nel mondo del lavoro. Secondo Papa Francesco infatti “anche nell’ambiente di lavoro, a volte – senza venire meno ai doveri! – noi sappiamo “infiltrare” qualche sprazzo di festa: un compleanno, un matrimonio, una nuova nascita, come anche un congedo o un nuovo arrivo…, è importante. È importante fare festa. Sono momenti di famigliarità nell’ingranaggio della macchina produttiva: ci fa bene!” E a proposito di lavoro ecco il richiamo forte del Pontefice: “Il vero tempo della festa sospende il lavoro professionale, ed è sacro, perché ricorda all’uomo e alla donna che sono fatti ad immagine di Dio, il quale non è schiavo del lavoro, ma Signore, e dunque anche noi non dobbiamo mai essere schiavi del lavoro, ma “signori”. C’è un comandamento per questo, un comandamento che riguarda tutti, nessuno escluso! E invece sappiamo che ci sono milioni di uomini e donne e addirittura bambini schiavi del lavoro! In questo tempo ci sono schiavi, eh! Sono sfruttati, schiavi del lavoro e questo è contro Dio e contro la dignità della persona umana! L’ossessione del profitto economico e l’efficientismo della tecnica mettono a rischio i ritmi umani della vita, perché la vita ha i suoi ritmi umani. Il tempo del riposo, soprattutto quello domenicale, è destinato a noi perché possiamo godere di ciò che non si produce e non si consuma, non si compra e non si vende. E invece vediamo che l’ideologia del profitto e del consumo vuole mangiarsi anche la festa: anch’essa a volte viene ridotta a un “affare”, a un modo per fare soldi e per spenderli. Ma è per questo che lavoriamo? L’ingordigia del consumare, che comporta lo spreco, è un brutto virus che, tra l’altro, ci fa ritrovare alla fine più stanchi di prima. Nuoce al lavoro vero, e consuma la vita!

FONTE

SEGUICI SU FACEBOOK:

CONDIVIDI SU:

Lascia un commento:

commenti