ULTIMISSIME

HIV la truffa del secolo, ci hanno fatto credere in un virus, che però non è mai stato identificato.

Sembra incredibile, ma purtroppo in 30 anni, nessuno studio scientifico ha mai dimostrato l’esistenza del virus HIV.

Siamo forse difronte alla più grande bufala della storia, il virus che non esiste potrebbe addirittura superare, sull’indice delle bufale, il tristemente famoso 11 settembre, il giorno in cui l’umanità si è accorta che la stavano ingannando.

Così come è impossibile che due aerei possano tirare giù non due, ma ben tre grattacieli a New York, le torri gemelle, progettate per resistere all’impatto di molteplici aerei per ogni lato e l’edificio 7 nemmeno sfiorato da un singolo aereo. Eppure così è stato, la più grande bufala della storia però sta vacillando, al primo posto sta arrivando lentamente quella che potrebbe essere la regina delle bufale: l’ HIV. Ebbene, dopo miliardi spesi in ricerche, durate un monte ore incalcolabile, nessuno scienziato coinvolto nella ricerca ha mai potuto provare, l’esistenza di un virus, che dopo l’ebola è sicuramente il più famoso.

Non c’è nessuna foto, solo false ricostruzioni al computer di un virus che non è mai esistito.
Quindi ci troviamo difronte alla più costosa bufala mai creata.

Non ci credete ? Fate bene, la prima regola delle persone sveglie è diffidare dalle informazioni e verificarle di persona, allora eccovi qua due video che potrebbero essere la base per la vostra personale ricerca.

Alla scoperta della bufala chiamata HIV:

Qui di seguito un altro video, sempre sullo stesso tema, sembra incredibile ma è purtroppo vero, ci hanno anche in questo caso perso in giro.

Ora, qualunque cosa sia la verità è qualcosa che dobbiamo cercarci da soli, non possiamo più fidarci della versione ufficiale, perché di ufficiale c’è solo il business delle case farmaceutiche.

Se siete sconvolti anche voi lasciate un commento.
I negazionisti pagati per mentire saranno i primi vedrete, che divertenti che sono, sembrano spiderman che si arrampica sui vetri.

SEGUICI SU FACEBOOK:

CONDIVIDI SU:

Lascia un commento:

commenti