ULTIMISSIME

Ecco 10 scherzi bastardi da fare ai vostri amici!

Avete già pensato alle vittime per i vostri scherzi? Ecco qualche spunto per scherzi divertenti e facili da realizzare.

Scherzi innocenti per far passare le 8 ore in ufficio. Siete annoiati, state facendo un lavoro monotono e ripetitivo? Allora questo vademecum è quello che fa la caso vostro. Potete, non solo divertirvi, far sorridere la collega che vi piace ma che non osate avvicinare. Oppure fare uno scherzo ad un collega che proprio non sopportate. Certe volte qualche scherzetto ben riuscito allevia le sofferenze del gruppo, cosa c’è di meglio di una risata collettiva? Facciamo allora spazio a quello che sta qua sotto, a mi raccomando cercate di non farvi sorprendere dal capo altrimenti se la prenderà con voi. State attenti sopratutto alla numero 9, se dovesse capitare di per sbaglio qualcuno che non vi aspettate, potreste fare una bruttissima figura quindi attenti. A tutti gli altri occhio agli scherzi. olleeee…

1. Inumidire un rotolo di cartone (carta igienica o da cucina), schiacciarlo un po’ e prendere spunto dall’immagine.

1-aprile

2. Scrivere il nome del vostro collega sull’elastico delle mutande e lasciarle nel bagno dell’ufficio.

mutande-2

3. Nascondere la pasta cruda sotto la tavoletta del WC: quando qualcuno si siederà, il rumore gli farà pensare di averla rotta.

tavoletta-pasta-612x600

4. Bloccare il sensore del mouse con della carta e lo scotch.

mouse-612x600

5. Nascondere dei serpendi giocattolo per tutta la casa (anche nella dispensa).

serpenti-640x600

6. Sostituire il deodorante con del burro.

deodorante-612x600

7. Nascondere una foto spaventosa nel cassetto della scrivania del vostro collega.

foto-cassetto-640x600

8. Affiggere un cartello di vendita sul cancello di casa di un amico.

vendesi

9. Appoggiare un bicchiere pieno d’acqua sul bordo della porta socchiusa.

bicchiere-480x600

10. Trasformare le icone dell’iPhone in tanti teneri gattini grazie all’app iPhoneception.app-gattini

FONTE

SEGUICI SU FACEBOOK:

CONDIVIDI SU:

Lascia un commento:

commenti